Il bicchiere della movida con cui La Spezia ha sconfitto la plastica

07 Giugno 2020

Il progetto Less Glass ha fatto emergere una rete di locali innovatori, che nella dura estate del Covid non devono essere abbandonati

Viene da La Spezia uno dei primi esempi di bicchiere riciclabile per la movida.

Ideato dall’associazione culturale La Piazza Comune e patrocinato da Confcommercio, il bicchiere della movida è stato presentato durante l’estate 2019 ed è stato fin da subito un successo.

Tutti i locali del centro spezzino hanno aderito all’iniziativa, che ha eliminato quasi del tutto la plastica dai marciapiedi e dai giardini della città, specie durante il fine settimana.

Ma Less Glass, così è stato chiamato, ha riscosso un successo istantaneo anche tra gli stessi giovani, che ne hanno immediatamente capito l’utilità.

Come funziona?

Quando il cliente chiede un drink da asporto in uno dei locali che hanno aderito all’iniziativa, questo gli viene servito nel bicchiere Less Glass dietro una cauzione di un euro.

Una volta uscito all’aperto con quel bicchiere, lo potrà usare per tutto il resto della serata portandoselo negli altri locali. Al momento di tornare a casa lo riconsegnerà nel locale a lui più vicino, e in quell’occasione gli verrà restituito l’euro che aveva lasciato come cauzione nel locale da cui era partito.

E se per caso ci si scordasse di riconsegnare il bicchiere a fine serata, niente paura: sono bicchieri bellissimi anche da collezionare, con raffigurate le bellezze e i simboli della città.

È bastato questo semplice espediente per farla finita con bicchieri di plastica e bottigliette. Non solo: l’iniziativa si è allargata alle cannucce per i drink, che stanno iniziando ad essere sostituite dagli Ziti – un tipico formato di pasta ligure, lungo e tubolare.

A La Spezia, insomma, lotta dura contro la plastica.

Anche in questa difficile estate 2020 i gestori dei locali spezzini non faranno marcia indietro e non smetteranno di mostrare la massima attenzione verso l’ambiente, mentre la Piazza Comune promette di farsi presto risentire con nuovi progetti.

Ti è piaciuto l'articolo? Se vuoi contribuire scrivici.

Altri argomenti

Lazzaro-Diego-E-BZ

Intervista con Diego Lazzaro, candidato a Bolzano

Sguazzardo

Smobilizziamo il consumo del suolo

operaio-pala-eolica

L’eolico marino in Romagna, spiegato bene

image

Cibo per 10 miliardi: il pianeta può resistere?

spetale-tafliato

I sette peccati capitali della ristorazione. E come convertirla

booo

L’ambientalismo che ha fallito e quello che riuscirà

image-5

Detassare il lavoro con il carbon pricing

pescara-vecchia

La “guerra santa” contro l’alcol del sindaco di Pescara

negozio-condiviso

Negozi in condivisione: un esperimento su cui accelerare

vecchia-simpatica

I nostri cocktail pagano anche le pensioni

follonica2

Il Tirreno nella morsa tra rifiuti e burocrazia

elettrotecnico 2

Riapertura delle scuole: guai a noi se voliamo basso